Antisismica e riduzione del rischio sismico: vademecum procedurale dell’Emilia-Romagna

L’assessorato alla programmazione territoriale, urbanistica e infrastrutture dell’Emilia-Romagna ha emanato una circolare recante il vademecum sulle procedure di vigilanza e controllo delle costruzioni ai fini della riduzione del rischio sismico (titolo IV della l.r. n. 19 del 2008).

Dal 1° giugno, infatti, è pienamente operativo il titolo IV della legge regionale 19/2008 sulle norme per la riduzione del rischio sismico. Inoltre il 26 luglio scorso è stata approvata la deliberazione n. 1071 dell’atto di indirizzo recante Individuazione dei contenuti cogenti del progetto esecutivo riguardante le strutture, ai sensi dell’art. 12, comma 1, della l.r. n. 19 del 2008” e precisazioni in merito ai limiti e alle modalità di controllo di conformità del progetto esecutivo.

Il vademecum è stato presentato durante gli incontri nel territorio del 14, 24 e 26 maggio 2010, svolti rispettivamente a Bologna, Cesena e Parma, nonché discusso e valutato nell’ambito del Comitato tecnico scientifico (CTS) e del Comitato regionale per la riduzione del rischio sismico (CReRRS)1, i quali hanno entrambi espresso una valutazione favorevole sulla necessità di tale atto e sui contenuti dello stesso.

Il vademecum si propone anche l’obiettivo di costituire uno strumento di raccordo degli atti di indirizzo e coordinamento emanati in attuazione dell’art. 4, comma 1, della l.r. n. 19 del 2008, soffermandosi in particolare:
– sulla normativa da applicare ai procedimenti in corso, con riferimento anche alle ipotesi di varianti in corso d’opera (sostanziali, non sostanziali ed innovative);
– sul rapporto tra il procedimento edilizio e quello sismico, anche alla luce delle recenti disposizioni introdotte dall’art. 5 del d.l. n. 40 del 2010 in materia di attività edilizia libera;
– sui procedimenti di deposito del progetto strutturale, soffermandosi in particolare sulle modalità di individuazione del campione di pratiche da sottoporre a controllo;
– sul procedimento di autorizzazione sismica, delineando tutti i diversi passaggi di tale procedimento e i diversi momenti di interlocuzione tra la Struttura tecnica e il progettista.

Circolare illustrativa prot. N. PG/09/228337 del 13 ottobre 2009, Conclusione del regime transitorio delle norme tecniche per le costruzioni di cui al d. m. 14 gennaio 2008 ed illustrazione dell’art. 64, comma 7, della L.R. n. 6 del 2009

Circolare illustrativa prot. N. PG/10/114855 del 27 aprile 2010, Disciplina delle varianti in corso d’opera ai fini della riduzione del rischio sismico

Circolare illustrativa prot. N. PG/10/0194001 del 29 luglio2010, Vademecum sulle procedure di vigilanza e controllo delle costruzioni ai fini della riduzione del rischio sismico (Titolo IV della l.r. n. 19/2008)


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *