Antisismica. Contro il rischio sismico a Rimini l’iniziativa Io non Tremo

L’attualità di eventi naturali catastrofici accaduti a livello internazionale e nazionale merita momenti di riflessione su come costruire le nostre città, le nostre case, di come impostare le politiche, ma soprattutto di come imparare a difenderci o almeno ad attutirne le conseguenze.

A Rimini, dal 7 al 21 maggio prossimi, l’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Rimini si farà promotore di momenti di dibattito, formazione e informazione sui terremoti con incontri pubblici, mostre e anche esercitazioni grazie all’intervento della Protezione civile riminese, che avrà base al Parco del fiume Marecchia.
Qui sarà allestito un campo di accoglienza in collaborazione con Associazioni di volontariato.

L’iniziativa è stata battezzata Io Non Tremo! Liberi di conoscere e convivere con il terremoto, organizzato in collaborazione con Edurisk, settore educativo-divulgativo dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, con l’obiettivo di contribuire a stimolare una cultura dell’attenzione e della prevenzione ed essere un richiamo per enti pubblici e politica.

A lezione di Rischio sismico
Il progetto comprende lezioni sul rischio sismico nelle scuole Elementari e Medie della Provincia riminese, impostate con l’ausilio di Edurisk. Nel corso dell’anno scolastico e dei prossimi, ne saranno coinvolti mille bambini tra i 6 e i 13 anni. Saranno gli stessi insegnanti a impostare attività didattiche dopo aver seguito appositi corsi di formazione organizzati da Edurisk, che svolge da anni questo tipo di attività in tutta Italia.
Saranno invece professionisti di note aziende a tenere nei giorni della manifestazioni incontri di aggiornamento rivolti ad architetti, geometri, ingegneri, periti edili.

Il taglio della manifestazione sarà spiccatamente divulgativo – afferma l’ingegner Marco Manfroni, presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Rimini –, ma non mancheranno incontri specialistici rivolti ai tecnici e alle imprese del settore delle costruzioni e dell’indotto. Pur non generando un ingiustificato allarmismo, si focalizzerà l’attenzione sugli effetti devastanti prodotti dagli eventi sismici, sui costi sociali ed economici che ne conseguono e sugli strumenti per prevenire, inibire e contrastare gli eventuali danni. Il nostro Paese è all’avanguardia nel campo della ricerca antisismica, tuttavia, a fronte dell’elevato livello tecnico-scientifico degli studiosi e delle strutture di ricerca, non è adeguatamente diffusa una cultura della prevenzione degna di un paese moderno”.

Quale premio di rappresentanza alla manifestazione, il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha conferito a Io Non Tremo! una speciale medaglia commemorativa.

Articolo dell’ing. Diego Benzi, Studio Pulcinelli e Associati

Per informazioni
http://www.ionontremo.it/


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico