Ancora attesa per il Piano Casa

Slittano ulteriormente i tempi per il decreto legge sul Piano Casa. La discussione sarà probabilmente trattata nella riunione del Consiglio dei Ministri del prossimo 30 aprile, dopo la Conferenza Unificata fissata per domani 28 aprile.

Intanto Ance e Legambiente tornano a unirsi per riproporre una ricostruzione di qualità. Costruttori e ambientalisti propongono la costituzione dell’Osservatorio per la legalità.

Sicurezza, efficienza e semplificazione sono le parole chiave della ricostruzione in Abruzzo”. Per Ance e Legambiente, queste dovranno essere anche le direttive principali delle norme che il governo si appresta a varare, e che – secondo le due associazioni – dovranno dare un chiaro segnale per orientare positivamente la riqualificazione del patrimonio edilizio nel nostro Paese.
La sfida da cogliere infatti – hanno dichiarato i presidenti Buzzetti e Cogliati Dezza – è quella della messa in sicurezza statica degli edifici e insieme dell`efficienza energetica. Il provvedimento deve poter rispondere quindi, sia alla domanda di sicurezza degli edifici, ancora una volta messa in evidenza in tutta la sua drammaticità dal terremoto in Abruzzo, che alla necessità di ridurre i consumi energetici negli edifici, le bollette dei cittadini e le emissioni di anidride carbonica“.

È fondamentale che questi obiettivi siano chiaramente fissati in tutti gli interventi previsti dal Governo. E che si aiuti questa prospettiva con regole semplici e incentivi efficaci. Molta attenzione deve essere posta nell’impedire una deregulation che rischia di aumentare l’insicurezza anche attraverso la revisione dei meccanismi dei pubblici appalti affinché la logica del massimo ribasso sia sostituita dalla logica della massima qualità e sicurezza ” (leggi articolo).

Perciò Ance e Legambiente chiedono alle autorità nazionali e locali di trovare un accordo per evitare che si arrivi a normative diverse e contraddittorie sprecando una occasione così importante per avviare una diffusa riqualificazione edilizia.
L’associazione dei costruttori e quella degli ambientalisti chiedono che il decreto sia l`occasione per dare un chiaro segnale di innovazione, reintroducendo la certificazione energetica nelle compravendite e nei nuovi interventi e approvando le Linee guida previste dalla normativa di recepimento delle direttive europee.
E sottolineano che la semplificazione delle procedure per gli interventi edilizi è un obiettivo giusto e prioritario che deve però accompagnare gli obiettivi di riqualificazione statica e energetica del patrimonio edilizio.

Il rischio – dichiarano – è altrimenti che sia una risposta parziale all`emergenza e inefficace per rilanciare il settore edilizio, di cui a giovarne sarebbe il lavoro nero e la speculazione ” (leggi articolo).
Per questi motivi e per combattere i rischi di infiltrazioni da parte della criminalità organizzata nelle attività di ricostruzione, Ance e Legambiente lanciano la proposta di un Osservatorio per la legalità, per vigilare efficacemente sulle operazioni e i progetti di recupero e ricostruzione.

Fonte: Ance


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico