Affidamento di forniture. Quali sono i documenti da richiedere?

Quali sono i documenti è opportuno chiedere, in caso di affidamento di forniture, per evitare di dover rispondere in solido per i lavoratori delle ditte appaltatrici per il mancato pagamento di retribuzioni o di contributi previdenziali e assicurativi o, in ogni caso, per gestire correttamente l’appalto?

A questa domanda (in relazione all’articolo 26 del d.lgs. 81/2008) risponde Marco Vinci, esperto di sicurezza ed editorialista della rivista Progetto Sicurezza.

La risposta
A nostro avviso potrebbero essere richiesti i seguenti documenti:
– indicazione del preposto- coordinatore dei lavori all’interno del contratto di appalto;

– curriculum professionale e posizione assicurativa di ciascun dipendente operante all’interno del contratto di appalto;

– idoneità sanitaria alla mansione per ciascun dipendente operante all’interno del contratto di appalto ai sensi dell’art. 41 d.lgs. 81/2008 e s.m. e ai sensi della l. 131/2003;

 – Certificato di iscrizione alla CCIA;

– Autocertificazione del possesso dei requisiti di idoneità tecnico-professionale art. 26 comma 1 lettera a) punto 2 del d.lgs. 9 aprile 2008 n. 81;

– codici di posizione Inps e Inail;

– documentazione comprovante la regolarità dell’assolvimento degli obblighi assicurativi e contributivi alla data della richiesta di qualificazione (Durc);

– estremi delle assicurazioni RCT e RCO contratte volontariamente, i relativi massimali e le eventuali rinunce di rivalsa;

– documento relativo alla valutazione dei rischi “introdotti” all’interno dell’azienda nell’ambito del contratto di appalto;

– referenze, iscrizione ad albi, certificazione di qualità ed eventuale altra documentazione integrativa attinente alla specifica fornitura.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico