1.200 MW fotovoltaici in Italia, a fine 2010 si arriverà a 2.500 MW

Con circa 724 MW installati nel 2009 il fotovoltaico in Italia ha raggiunto una capacità cumulativa di circa 1.142 MW a fine dello scorso anno, con oltre 71.000 impianti realizzati (39.500 nel solo 2009). Questi sono alcuni dei dati presentati da Gerardo Montanino, direttore operativo del GSE (Gestore Servizi Elettrici), l’ente che cura tutta la macchina del conto energia in Italia.

Montanino, nel corso del suo intervento dell’Italian PV Summit, ha spiegato che le nostre tariffe in conto energia si mantengono su livelli molto elevati se considerate per l’intero periodo incentivante e in base al buon livello di insolazione del nostro paese. “Si è provato a compararle con quelle di paesi europei – ha detto – e si è potuto valutare che per i piccoli impianti residenziali (fino a 3 kW), fatto 100 il reddito guadagnato in Italia, quello ottenibile con le tariffe tedesche è pari alla metà, in Spagna è di 76 e in Francia è di 58,6”.
Se si portano a confronto gli impianti commerciali sopra i 20 kW di potenza, questo rapporto non differisce di molto, a eccezione per la Spagna che è poco sotto al nostro paese, mentre in Germania il valore si attesta intorno a 43,3 e in Francia a 65,4.

La prossima riduzione degli incentivi prevista a partire dal gennaio 2010, darà una accelerazione alle installazioni nel 2010, soprattutto nella seconda parte dell’anno. “Crediamo che a fine 2010 arriveremo in Italia a 2.500 MW, con un totale di almeno 130mila impianti fotovoltaici e una produzione annuale che si attesterà intorno ai 2 miliardi di chilowattora”, ha detto Montanino.
Una crescita che si avvertirà anche nelle risorse dedicate agli incentivi in conto energia: “mentre nel 2009 la quota annuale è stata pari a 292 milioni di euro, nel 2010 dovrebbe toccare gli 800 milioni di euro”, ha aggiunto il responsabile del GSE.

Tra gli altri dati statistici forniti dal GSE è interessante sottolineare come il 12% della potenza fotovoltaica totale installata in Italia si sia registrata in Puglia e che finora il 93% degli impianti è parzialmente o totalmente integrato in strutture edilizie; questa percentuale scende a 65% se il calcolo è fatto in termini di potenza.
La quasi totalità degli impianti utilizzano la tecnologia cristallina (mono o policristallina), ma va notato come negli impianti sopra al megawatt di potenza la quota dei film sottili cresca fino al 12%.

Gerardo Montanino ha concluso auspicando che vada al più presto disciplinato e filtrato l’impressionante numero di richieste di autorizzazioni di impianti a fonti rinnovabili che, secondo Terna, è arrivato a toccare quasi una potenza di 100.000 MW, “una situazione insostenibile che va ad intasare gli uffici che devono validarle, è che sono diventate, nei fatti, una sorta di prelazione che i soggetti fanno valere e vendono sul mercato”.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico